ScienzaCoscienza
262 subscribers
43 photos
9 videos
406 links
Il canale dei rivoluzionari 2.0
Download Telegram
⚡️ Dichiarazione del Ministero degli Esteri russo in relazione allo svolgimento dei #REFERENDUM nelle regioni DPR, LPR, Kherson e Zaporozhye

💬 Dal 23 al 27 settembre si sono tenuti i referendum nelle regioni di Donetsk e Lugansk People, Kherson e Zaporozhye sull'ingresso di queste regioni nella Federazione Russa. I risultati dell'espressione di volontà sono stati ufficializzati.
La stragrande maggioranza dei votanti (-99,23% in DPR; 98,42% nella LPR; Il 93,11% nella regione di Zaporozhye e l'87,05% nella regione di Kherson) hanno sostenuto l'idea di unire queste regioni alla Russia.

L'affluenza è stata: nella DPR - 97,5%; nella LPR - 92,6%; nella regione di Zaporozhye - 85,4% e nella regione di Kherson - 76,9%.

Nonostante le provocazioni del regime di Kiev, che ha emesso ordini criminali per infliggere massicci colpi di artiglieria su luoghi affollati e oggetti civili, le persone non hanno avuto paura di presentarsi alle urne ed esprimere la propria volontà. I risultati del plebiscito parlano da soli: i residenti di Donbass, Kherson e Zaporozhye non vogliono tornare alle loro vite precedenti e hanno fatto una scelta consapevole e libera a favore della Russia.

Fondamentalmente non hanno alternative. Non tutti in Ucraina si sono riconciliati e hanno accettato il colpo di stato a Kiev nel febbraio 2014, a seguito del quale le forze nazionali radicali sono salite al potere, scatenando un sanguinoso massacro di dissidenti nel sud-est del Paese.
Nemmeno la firma degli accordi di Minsk, approvata da una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, ha salvato la situazione. La parte ucraina, come dicono cinicamente oggi i suoi rappresentanti, non si sarebbe conformata a loro sin dall'inizio ma si stava preparando alla guerra. La popolazione del Donbass è stata sottoposta per otto anni a uno sterminio sistematico e cinico. Il logico risultato della politica antipopolare perseguita dal regime di Kiev è stata la decisione dei residenti di Donbass, Kherson e Zaporozhye di cercare protezione dalla Russia.

I referendum si sono svolti nel pieno rispetto delle norme e dei principi del diritto internazionale. Il popolo del Donbass e dell'Ucraina meridionale ha esercitato il loro legittimo diritto all'autodeterminazione in conformità con la Carta delle Nazioni Unite, i Patti internazionali sui diritti umani del 1966, l'Atto finale di Helsinki della CSCE del 1975, nonché il parere della Corte di Giustizia Internazionale sul Kosovo del 22 luglio 2010, a conferma del fatto che una dichiarazione unilaterale di indipendenza da parte di una parte di uno Stato non viola alcuna norma di diritto internazionale.

Anche osservatori internazionali provenienti da Italia, Germania, Venezuela, Lettonia e altri paesi (per un totale di 133 persone), che hanno seguito il corso dei referendum, hanno riconosciuto i loro risultati come legittimi.
Ringraziamo esperti stranieri, blogger, giornalisti, rappresentanti di organizzazioni pubbliche per il loro coraggio, onestà e obiettività.

Nel prossimo futuro, una fase cruciale delle nostre azioni congiunte sta arrivando per soddisfare le aspirazioni dei residenti delle regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson di stare insieme alla Russia.

Fonte: МИД России 🇷🇺


►►►►►►►►►►
Unisciti al CANALE ScienzaCoscienza❤️
Il meglio delle #NEWS dall'INFORMAZIONE LIBERA
👉https://t.me/scienzacoscienza
►►►►►►►►►►
Audio
🎵Brano del giorno: Destra-Sinistra - Giorgio Gaber, La mia generazione ha perso (2001)


►►►►►►►►►►
Unisciti al CANALE ScienzaCoscienza❤️
Il meglio delle #NEWS dall'INFORMAZIONE LIBERA
👉https://t.me/scienzacoscienza
►►►►►►►►►►
Esclusi gli #USA dalla STAZIONE ORBITALE CINESE

La Cina ha reso noto l'elenco dei paesi che saranno ammessi alla sua stazione orbitale.

L'assenza degli Stati Uniti, che hanno mostrato interesse a partecipare, è stata spiegata dal fatto che la Commissione cinese non ha trovato alcuna ricerca scientifica utile che potesse essere svolta da scienziati statunitensi a bordo della stazione.

Il monopolio imperiale è finito davvero.

Fonte: Постовой
Questo soltanto a Padova.
Vi lascio immaginare la montagna di soldi buttata nel cesso complessivamente.

In scadenza 97 mila vaccini anti Covid nel Padovano: verranno buttati

Sono quelli di prima generazione, inservibili da novembre. Altri 158 mila da inizio 2023. Usl 6: diventeranno rifiuti sanitari.

https://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2022/09/29/news/in_scadenza_97_mila_vaccini_anti_covid_nel_padovano_verranno_buttati-9917829/

🔴 Per ricevere tutti gli aggiornamenti segui Giorgio Bianchi Photojournalist